Guardia Costiera sequestra prodotti ittici.

Catania – Continuano i controlli sul territorio da parte del Reparto Operativo della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Catania, svolti nell’ambito dei compiti d’istituto assegnati dal competente Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, diretti ad accertare eventuali irregolarità in materia di pesca, nel rispetto delle norme italiane e comunitarie, a protezione delle specie ittiche ed a tutela del consumatore.

L’attività, svolta nel comune di Sant’Agata li Battiati, ha permesso di accertare irregolarità presso un esercizio commerciale, procedendo al sequestro di circa 100 Kg di pescato, poiché privo della prevista certificazione di tracciabilità.

Nel corso della stessa operazione, sono stati rinvenuti tranci di Tonno Rosso mancanti dell’idonea documentazione, regolamentata da apposite normative comunitarie.

A seguito di ispezione a cura del personale medico della locale ASP – Dipartimento Prevenzione Veterinaria di Gravina di Catania, il prodotto ittico dichiarato idoneo al consumo umano, è stato donato alla Caritas Diocesana di Catania.

La restante parte del pescato, ritenuta non commestibile, è stata distrutta ed idoneamente smaltita.

Al titolare dell’attività commerciale, sono state comminate sanzioni amministrative per un importo complessivo di circa 5.000 €. L’attività preventiva proseguirà su tutto il territorio etneo per tutelare i diritti del consumatore, con particolare riguardo alle garanzie sulla tracciabilità  del pescato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *