Razza: tutti uniti contro il virus 

Agrigento – Si è tenuta in videoconferenza la riunione tra l’assessore regionale per la Salute, Ruggero Razza, e la conferenza dei sindaci della provincia di Agrigento, convocata dal sindaco del capoluogo, Lillo Firetto. Vi hanno preso parte i sindaci dei comuni sede di struttura ospedaliera: Carmelo Pace (sindaco di Ribera), Francesca Valenti (sindaco di Sicacca), Ettore Di Ventura (sindaco di Canicattì), Giuseppe Galanti (sindaco di Licata). Nella sua doppia veste di primo cittadino di Montevago e presidente della Commissione Sanità del parlamento siciliano è intervenuta la deputata Margherita La Rocca Ruvolo.
Al centro vertice, a cui hanno preso parte anche i vertici dell’Asp, Alessandro Mazzara e Gaetano Mancuso, la richiesta di comunicazioni più aggiornate riguardo all’aggiornamento sui casi positivi e sulle persone rientrate nell’Isola; ma anche la previsione di adeguati posti letto di terapia intensiva e di degenza ordinaria, la più rapida trattazione dei tamponi rino-faringe e dei loro esiti, l’individuazione di adeguati percorsi interni nell’ambito delle strutture ospedaliere per dividere le aree covid da quelle ordinarie.
Durante la conferenza è stato evidenziato quanto segue:
Tutti i cittadini che presentano una sintomatologia tipica della infezione da Covid-19  vengono già adesso trattati separatamente e immediatamente immessi nel ciclo terapeutico;
L’Asp fornirà giornalmente a tutte le amministrazioni comunali i dati richiesti al fine di garantire l’adeguata azione da parte degli Enti locali;
È prevista l’attivazione in provincia di Agrigento di posti 203 posti letto dedicati al Covid -19 di cui 23 posti di terapia intensiva. A tal fine le ditte affidatarie dei lavori stanno ultimando i posti letto a pressione negativa (che la provincia non aveva mai avuto nel passato) ed è attiva dall’inizio della emergenza la strutturazione di aree dedicate sia nel P.O. di Agrigento che in quello di Sciacca. Nell’ambito del bacino, il DEA di II Livello di Caltanissetta svolte funzioni di supporto nell’ambito della convenzione attivata;
Per i cittadini rientrati in Sicilia la Regione ha previsto un’azione di monitoraggio che comporta, sul piano organizzativo, la realizzazione di più attività. Ciò inevitabilmente produrrà il possibile protarsi dell’isolamento: è una misura adeguatamente contenitiva e fortemente precauzionale, adottata solo nella nostra Isola che contribuisce a limitare significativamente il contagio.
 Per quanto riguarda gli ospedale di Agrigento e Sciacca, oggetto di significativi processi di ammodernamento, l’Asp ha presentato la nota formale della ditta che ha attestato la separazione dei percorsi e delle condotte di areazione.
E’ stato altresì che tutte le strutture saranno oggetti di significativi ed adeguati interventi
L’assessore regionale per la Salute ha ribadito ai sindaci di essere a disposizione di ogni ulteriore chiarimento e di collaborare con tutte le amministrazioni locali. A tal fine sia i direttori aziendali, sia il commissario Alberto Firenze, nominato per i presidi di Sciacca e Ribera, aggiorneranno periodicamente i primi cittadini sullo stato di avanzamento del piano che tiene conto delle curve epidemiologiche attese.
“Ringrazio tutti i sindaci intervenuti – ha detto Razza –  e sono a disposizione con il mio Ufficio di Gabinetto di tutti loro e dei loro colleghi. Mai come in questo momento la collaborazione istituzionale è la lealtà reciproca rappresentano un valore da garantire con impegno. Da parte mia c’è la volontà di operare in questa direzione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *