Mister Raffaele risponde alle domande dei giornalisti

Catania – Mister Raffaele risponde alle domande dei giornalisti in vista del ritorno al “Massimino” in calendario domani quasi due mesi dopo la gara del 27 settembre con la Paganese: “Gli indisponibili? Il prospetto è lo stesso della gara di Teramo; Claiton, Pinto e Silvestri, inoltre, hanno avuto qualche problema, valuteremo le loro condizioni domani mattina. La fatica in fase offensiva è un dato oggettivo, le difficoltà hanno varie ragioni: per esempio, Sarao ha giocato le prime tre partite e poi si è infortunato, Reginaldo come sappiamo è stato fermato dal Covid, Emmausso e tanti altri sono arrivati a preparazione conclusa. Sono tutte situazioni che certamente ci hanno condizionato. Tra le note positive, però, pensiamo al rientro di Sarao, pur non essendo al 100%, e alla crescita di Pecorino, che migliora di partita in partita. In futuro potranno coesistere, a patto che la squadra li assista, ma se non siamo al top fisicamente è difficile ipotizzare soluzioni alternative. Nelle prime quattro giornate abbiamo avuto un buon avvio e i risultati ci hanno dato fiducia, purtroppo nell’ultimo periodo abbiamo pagato anche il singolo episodio, come a Teramo. Abbiamo qualità, purtroppo il momento è negativo, sappiamo che le critiche sono giuste e adesso servono i fatti in campo, per fortuna in quattro giorni possiamo cambiare il mondo: in queste due partite possiamo tornare ad avere una situazione di classifica favorevole, tale da lanciarci. Gatto? Inizialmente non è stato benissimo e poi ha fatto due-tre apparizioni, certamente mi aspetto di più da parte di tutti e se sarà chiamato a dare il suo contributo mi aspetto cose importanti anche da parte sua. In questa prima parte di campionato è difficile soffermarsi sul modulo, vanno tenute in considerazione molte variabili come l’esito dei tamponi, gli infortuni e la condizione dei giocatori dopo le partite. Sappiamo che in questo momento la coperta è corta in difesa, quella a 4 è pressoché obbligatoria, penso però che domani dobbiamo andare oltre la tattica: dev’essere una partita di grinta, cuore e determinazione, nel calcio per fortuna basta poco per riscattarsi. Domani e domenica con la Turris abbiamo due grandi occasioni per farlo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *